Lilies On Mars

l i l i e s   o n   m a r s

Lilies On Mars - Ph by Rachele Salvioli

ΔGO • the fourth album by Lilies On Mars, was released 25th September 2015 on Lady Sometimes Records.

• w h a t •

«Matter – it’s waves and radiation create sounds that enthrall. Inspired by this we play music looking up.»

Lilies on Mars is an alien feminine pop duo broadcasting their otherworldly music from another planet.

• w h o •

Born and raised in Sardinia, a magical island in the middle of the Mediterranean Sea, a place that recalls mystical legends and the strength of a population that has fought throughout history to keep traditions alive and never be fully conquered, Lisa Masia and Marina Cristofalo moved to London thirteen years ago.

Some time later Lilies on Mars emerged, the result of many long nights spent listening to music and jamming with every imaginable instrument at their home studio in Hackney – from guitars to vintage organs, synthesizers, effects and drum machines. The contrast of living between these two places has had a profound effect on Lilies on Mars’ music.

• ΔGO •

All songs on ‘ΔGO’ were written from edited improvisations and immediately recorded, whilst post-production is also a key element in the whole creative process. Retro-futurist, psychedelic and cosmic pop elements are accentuated on this record. At times uplifting, at times drone and Kraut-like. They are strongly influenced by primitive electronic experimentalists and pioneers such as Delia Derbyshire and Daphne Oram of The BBC Radiophonic Workshop.

The title ‘ΔGO’ symbolises the retro-futurist concept: without context the word becomes abstract and helps to weave together the past and future (AGO also means needle in Italian). It can be read as AGO as used in story telling of times ‘long ago’ or as A GO, as if ‘giving a go’ at something new in the future. Equally, the lines of Lisa and Marina’s distorted silhouettes on both album cover artwork and ‘Dancing Star’ video, inspired by Rutt-Etra-Izer, provides a visual representation of it.

ΔGO • il quarto disco delle Lilies On Mars, è uscito il 25 Settembre 2015 per Lady Sometimes Records.

• c o s a •

«La materia – le sue onde e la sua radiazione creano un suono che ammalia. Ispirate da ciò, suoniamo musica guardando in su»

Lilies On Mars è un duo pop, femminile ed alieno che trasmette musica ultraterrena da un altro pianeta.

• c h i •

Nate e cresciute in Sardegna, isola che rievoca leggende mistiche e la forza di un popolo che ha combattuto nel corso della storia per mantenere vive le tradizioni e mai essere completamente conquistata. Lisa Masia e Marina Cristofalo si trasferiscono a Londra 13 anni fa per maturare la loro esperienza artistica.

Poco tempo dopo danno vita al progetto Lilies on Mars, che è il  risultato di lunghe notti passate ascoltando musica e suonando con ogni strumento immaginabile nel loro home studio a Hackney, dalle chitarre a organi vintage, sintetizzatori, effetti e drum machine. Il contrasto della vita tra i due luoghi ha avuto un profondo effetto sulla musica delle Lilies on Mars.

• ΔGO •

Tutte le canzoni nascono da improvvisazioni modificate e subito registrate, in cui la post-produzione é un elemento fondamentale di tutto il processo creativo. Gli elementi pop retro-futuristici e le psichedelie cosmiche sono ancora più accentuate in questo disco. Si avvicinano verso territori cosmici e ritmi dance. Ciò è dovuto anche alla forte influenza dell’elettronica sperimentale e dai suoi pionieri come Delia Derbyshire e Daphne Oram della BBC Radiophonic Workshop.

Il titolo ‘ΔGO’ simboleggia il concetto di retro-futurista; la parola diventa astratta e aiuta a tessere insieme il passato e il futuro. Può essere letto come AGO per scandire il tempo passato o come un AGO, l’inizio, lo start, il via per una nuova era. In italiano invece è l’ago con il quale il filo tesse e conduce, come a riprendere il discorso di ‘Dot to Dot’ che tradotto vuole dire punto a punto. Allo stesso modo, le linee di Lisa e Marina e le loro sagome distorte, che ritroviamo sia sulla copertina del disco sia nel video di ‘Dancing Star’ ispirato dalle tecnica Rutt-Etra-Izer, fornisce una rappresentazione visiva cosmica e modulata come l’oscillazione del suono.


 

«Lilies on Mars remind us of the first time we heard ‘Book Lovers’ or Stereolab’s ‘Jenny Ondioline’… it’s rarely been off the stereo since.» Drowned in Sound

«Traveling to the places where memory and the future meet»
Impose Magazine

«Lilies on Mars music is a beautiful work of art…»
Earmilk Magazine

«Love at first sight…»
Rockit

«Hushed refrain gives such depth and rarity to this wonderful record.»
Nugazer