Presskit • Weird. [it]

weird. – un cupo terremoto che squarcia lentamente ogni cosa


SCOPRI WEIRD.

«Qualcuno l’ha perso. Qualcuno non l’ha mai trovato»

D’improvviso, è amore a prima vista.
E quando realizzi che era tutto solo un sogno, la realtà si trasfigura.
Un incubo infestato – un tuffo nella solitudine più oscura e desolata.
Immaginazione e desiderio si avvicinano, lasciando spazio ai ricordi sbiaditi e alle illusioni.

Nonostante il cerchio sia chiuso, non smette mai di sanguinare.
Dolorosamente.
Perfettamente.

 

BIOGRAFIA

Weird. nasce a Roma alla fine del 2011 da un’idea di Marco Barzetti.

Nel 2013 vede la luce il suo debutto “Desert Love for Lonely Graves”: sette tracce che scorrono lentamente tra chitarre e voci riverberate, basso autunnale e batteria sepolcrale. Un misto di generi musicali disparati, tra cui shoegaze e psichedelia, che convergono perfettamente.
Il disco ottiene ottime recensioni sia in Italia che all’estero e grazie ad una sonorità marcatamente internazionale Marco ha la possibilità di aprire concerti di gruppi affermati quali Cosmetic, Be Forest, Soviet Soviet, Girls Names, Disappears.

Dopo numerosi concerti incomincia le registrazioni del secondo disco, ‘A Long Period of Blindness’, la cui uscita è seguita da un tour promozionale che lo ha portato a suonare in numerosi locali in Italia ed Europa, compreso un tour in Sardegna (ospite anche di BalconyTV Sassari) e alcuni tra i più importanti festival italiani (Roma Brucia, Ephebia, Summer Is Mine, Reset Torino).

‘A Long Period of Blindness’ è uscito in CD ed LP il 2 Marzo 2015 per Lady Sometimes Records.

Dal 2016 Weird. è entrato a far parte di Sonic Jesus, di cui è chitarrista ed autore dei testi.

A Long Period of Blindness

Sotto ogni punto di vista ‘A Long Period of Blindness’ è un netto passo avanti rispetto al precedente debutto.
Registrato grazie al supporto tecnico di Marco Compagnucci, il suono tondo e definito, fa emergere la ricchezza della scrittura di Marco Barzetti. Una scrittura giovane, alla ricerca della maturità, ma pienamente in grado di fondere con intuito e compattezza la propria identità alle numerose influenze: dallo shoegaze di ‘Infinite Decay’ al dream-pop di ‘Gaze’, dalla psichedelia di ‘The Circle Is Closed Except Where It Bleeds’ al noise di ‘Swans’.

Come nel primo lavoro, ritroviamo anche qui armonie dense e strati di melodie immersi nelle distorsioni dei fuzz e nei riverberi, ma le atmosefere una volta oscure ed ossessive lasciano il passo a schiarite più aperte e fluttuanti.
Il suono si fa parola, sospinto verso una piena presa di coscienza: temi che prima erano appena accennati – il conflitto tra sogno e realtà, un profondo senso di inadeguatezza, la costante incomunicabilità con l’altro – vengono portati finalmente a compimento.


 


T R A C K L I S T
1. The Circle Is Closed Except Where It Bleeds
2. Dead Wax
3. Infinite Decay
4. The Sound Of Your Heartbreak
5. Widow
6. (Crescendo)
7. Gaze
8. Swans


G A L L E R Y


R A S S E G N A  • S T A M P A

«Necessario. Eroico. Sublime.» [Rockit]

«7,5/10 • Quaranta minuti di un disco che alterna mantra lisergici a luminosi squarci shoegaze. Ascolto consigliatissimo per tutti gli appassionati» [Il Mucchio]

«7/10 • Disco di concetto e non un semplice esercizio di stile.» [Rumore]

«7.5/10 • Un disco che ci è, ci fa e ci sa: sa quando esplodere, sa quando rallentare, sa quando soffocare e quando ampliare gli spazi.» [Deer Waves]

«8/10 • I Weird al secondo giro correggono un po’ il tiro presentando un disco di qualità. Ci portano in luoghi che potrebbero essere di tutti o forse di nessuno, ma di sicuro, almeno per 40 minuti, diventano solo nostri.» [Vinylistic]

«La capacità mostrata dalla band di non appiattirsi su un unico modello passa infatti per un impianto ritmico pronunciato e per una materia sonora granitica» [Music Won’t Save You]

«8.1/10 • Quando ti sembra di averli intrappolati, i tre romani sanno fuggire e cambiare strada, affidando la perdizione alle loro storie e l’imprevedibilità alla loro musica.» [Kalporz]

«Un disco meravigliosamente cinematico, ripieno di cupi riverberi e pelle d’oca.» [Breakfast Jumpers]

«Siamo poi ad uno degli episodi ‘perfetti’: spiace doversi ripetere, ma la chitarra di “The Sound of Your Heartbreak” è di una grandezza quasi ultraterrena e l’atmosfera del brano è pervasa di una tristezza che scintilla comunque di stelle» [Ver Sacrum]

«8/10 • Salite sulla mongolfiera della Lady Sometimes Records e lasciatevi accompagnare, insieme agli Weird., in un viaggio indimenticabile…» [Estatica]


A R C H I V I O • L I V E

n u o v e • d a t e

[ 2 0 1 7 ]
09/03 • Le Trou (Rende)
27/01 • Adorable – A Shoegaze Fest @ Monk (Roma)

v e c c h i e • d a t e

[ 2 0 1 6 ]

05/11 • Bloodbeat #o6 @ AU (Wien • AU)
24/09 • Urgences Sonores HQ (Lyon • FR)
23/09 • Les Tanneries (Dijon • FR)
22/09 • La Mahkno (Genève • CH)
21/09 • Secret Show (Torino)
18/09 • Freak Out (Bologna)
16/09 • G.O.B. (Viareggio)
15/09 • Circolo Hemingway (Latina)
05/06 • Teatro India (Roma)
31/05 • Vedo La Gente Joy Division Fest / Le Mura (Roma)
30/04 • Spazio Aereo (Venezia)
23/04 • Sonar Fest / Dong (Recanati)
16/04 • Record Store Day (Roma)
15/04 • Cantina Bukowski (Isola Liri)
01/04 • Arci Origami (La Spezia)
10/03 • Le Mura (Roma)
27/02 • w/Urali • Le Mura (Roma)
30/01 • House Concert Unplugged (Eboli)
29/01 • Fuorimano (Polignano)
11/01 •  The Yellow (Roma)
[2 0 1 5]

29/12 • Le Mura – Supporting PLF (Roma)
03/12 • w/ His Clancyness & Disappears • Init (Roma)
20/11 • Morgana (Benevento)
03/11 • w/Girls Names • Le Mura (Roma)
18/09 • Sinister Noise (Roma)
11/09 • Reset Festival (Torino)
23/08 • Ca.Ga Festival (Itri)
09/08 • Brambles Arts (Santa Teresa di Gallura)
08/08 • Summer is Mine Festival (Carbonia)
07/08 • Bohemien (Cagliari)
06/08 • Frames (Fondorgianus)
18/07 • Masseria Lo Jazzo (Ceglie Messapica)
17/07 • Ricrea (Putignano)
12/07 • Roma Brucia Festival (Roma)
27/06 • App Colombofili (Parma)
31/05 • Music Market (Rimini)
29/05 • Notte Bianca de La Sapienza (Roma)
22/05 • Pierrot Le Fou (Roma)
16/05 • One Eyed Jack’s (Rieti)
07/05 • w/Cosmetic • MONK Club (Roma)
25/04 • Circolo Hemingway (Latina)
24/04 • Sound Bonico (Piacenza)
22/04 • Traffic Live Club (Roma)
22/03 • Fanfulla (Roma)
21/03 • Italia Loungebar (Eboli)
15/03 • Reasonanz (Loreto)
27/02 • Le Mura (Roma)
08/01 • Traffic (Roma)
[ 2 0 1 4 ]
19/12 • Contestaccio (Roma)
29/11 • Teatro Quirinetta (Roma)
14/11 • Porcelli Tavern (Amelia)
08/11 • w/ Soviet Soviet • Tilt (Avellino)
20/09 • Dal Verme (Roma)
16/09 • Circolo degli Artisti (Roma)
17/07 • w/ TOY • Airport One (Roma)
16/05 • Alvarado Street (Roma)
09/05 • Pierrot Le Fou (Roma)
09/04 • w/ Be Forest • Dalla Cira (Pesaro)
29/03 • Trenta Formiche (Roma)
[ 2 0 1 3 ]
14/12 • Atelier Montiez (Roma)
21/11 • Circolo degli Artisti (Roma)
16/11 • Rock ‘n’ Roll (Milano)
15/11 • Circolo Mengaroni (Pesaro)
13/06 • w/ Ancien Régime • Dalla Cira (Pesaro)
03/05 • Fusolab (Roma)
26/04 • Closer (Roma)
02/03 • Spazio Ebbro (Roma)
08/02 • Muzak (Roma)
[2 0 1 2 ]
30/12 • Alvarado Street (Roma)
28/12 • Traffic (Roma)
16/11 • Defrag (Roma)


C O N T A T T I

press@ladysometimesrecords.com

website weirdband.bandpage.com
bandcamp weird1.bandcamp.com
facebook facebook.com/weirdband
soundcloud soundcloud.com/weirdband
youtube https://www.youtube.com/user/weirdband